Start / Bezirke / Bezirk Bozen Stadt/Land / SÜD-TIROLER FREIHEIT in Bozen mit Informationsständen unterwegs

SÜD-TIROLER FREIHEIT in Bozen mit Informationsständen unterwegs

lorenz_puff.jpgDer Bezirk Bozen Stadt/Land der Bewegung SÜD-TIROLER FREIHEIT startet wieder mit Informationsständen durch Bozen. Ziel dieser Informationsstände ist, den direkten Kontakt zu den Bürgern zu suchen und sie über die neue Bewegung SÜD-TIROLER FREIHEIT zu informieren, so Bezirkssprecher Lorenz Puff.

Bereits seit letztem Samstag ist die SÜD-TIROLER FREIHEIT im Bezirk Bozen Stadt/Land mit Informationsständen unterwegs. Beim nächsten Informationsstand vor der Talferbrücke/Siegesdenkmal kann man am kommenden Samstag, den 8. März von 10 bis 12.30 Uhr Vertreter der Bewegung SÜD-TIROLER FREIHEIT treffen.

Weitere Termine sind: Samstag, 15. März  auf dem Grieser Platz und Samstag, 29. März Museumstraße – Ecke Sparkassenstraße vor dem Ötzi Museum, jeweils von 10.00 bis 12.30 Uhr.

Lorenz Puff
Bezirkssprecher der SÜD-TIROLER FREIHEIT
Bozen Stadt/Land

Jetzt mitdiskutieren!

Kommentar hinzufügen

Diese E-Mail ist schon registriert. Bitte benutzen Sie Das Login-Formular oder geben Sie eine andere ein.

Sie haben nicht das korrekte Login oder Passwort eingegeben

Sie müssen eingeloggt sein, um einen Kommentar schreiben zu können.

4 Kommentar(e)

Neueste zuerst
nach Bewertung Neueste zuerst Älteste zuerst
1

Attendo sempre una tua cortese risposta
Ma nel frattempo ho letto che hai giustamente approfittato di un post aperto da luglio 2007 sul sito di Franco Ziliani per illustrare le tue posizioni finalmente col tuo nome. Io ti suggerirei di usare anche la' nome e cognome e di inserire il link automatico al sito http://www.1809-2009.eu perche' guadagneresti in stima da parte di tutti. Poi fai come vuoi.

Sperando sempre in una tua risposta, ti riporto qui un commento che ho appena lasciato in quel post e che, dopo aver superato il filtro di approvazione, troverai appunto la':

Lorenz,
questa estate avrete l’onore ed il piacere di ospitare una visita ufficiale di papa Benedetto XVI, un papa di madrelingua tedesca. Non sprecate questa grande occasione. Il modo migliore di accoglierlo e di dargli il benvenuto lo sai benissimo qual’e': un gesto quanto meno di inizio di dialogo fra le diverse parti ancora in conflitto. Non e’ un caso che io abbia suggerito anche qui il sito che mi hai segnalato. Bisogna saper ascoltare e trovare strade nuove. Se quelle percorse fin qui in 90 anni di amministrazione dello Stato italiano della provincia di Bolzano non stanno accontentando nessuno, chi propone soluzioni alternative ha il dovere di cominciare a parlare, a confrontarsi con chi non vuol muoversi dalle proprie posizioni ma e’ comunque scontento della situazione esistente. Guardarsi in cagnesco, farsi i dispetti, provocare baruffe, eccetera fra movimenti politici opposti che non si parlano nemmeno non e’ certo la migliore accoglienza di un papa. Di piu’: un papa di origine tedesca, un papa che da ragazzino sai bene da quali idee si era lasciato purtroppo coinvolgere e ha dovuto farne ammenda con un apostolato di pace, un papa che e’ stato attaccato brutalmente dagli integralisti islamici ma che non smette di lavorare per la pace in Palestina, un papa che ha bisogno almeno da voi cattolici delle Dolomiti un segno di rispetto e di affetto. Come e’ possibile che cattolici separatisti e cattolici nazionalisti non riescano nemmeno a sedersi ad un tavolo a discutere sul futuro?
Non ti metto il faccino col sorriso perche’ il mio avrebbe gli occhiali neri, ma ti invito a lavorare con me per un incontro tra la Klotz e la Marazzo nello spirito appunto di un comune benvenuto al papa ed alle decine di migliaia di giovani che invaderanno gioiosamente le Dolomiti per l’occasione.

2

Diventeranno presto 4 se non vi sbrigate
Caro Lorenz,
grazie per avermi risposto, ma ti sarei molto grato se parlassi anche con Eva e ti facessi dire cosa si sono detti di persona i due quando si sono visti. Ho sentito qualcuno dire che Davide l'avrebbe aggredita, invece sia tu che io sappiamo che non e' assolutamente vero. Sono certo che non si sono offesi, visto i sorrisi della foto, anzi! E quindi spero che sia molto positivo fare in modo che continuino a parlarsi.
Fra un po', se non vi sbrigate a trovare una soluzione entro quei 20 anni che mancano al giorno in cui Davide dividera' probabilmente con te un seggio in parlamento, le etnie diventeranno almeno 4, e sara' poi dura far digerire agli arabi un eventuale accordo fra le sole 3 etnie cristiane. Non trovi?
Se fossi in te approfitterei di questo momento di relativa calma, quando sono ancora soltanto 3 le etnie, per organizzare un confronto di posizioni (fra pochi invitati delle varie parti), almeno per cominciare a conoscersi ed a scambiarsi qualche battuta. Era su qusto che attendevo un tuo gentile cenno di riscontro.
Ce la fai a non essere troppo evasivo su questo punto?

3

Hallo Mario, alter Fuchs!
Du hast Recht, viele Sachen ändern sich in Europa und auch in unserem "Land im Gebirge". Wir diskutieren mit allen unseren Bewohnern über die Zukunft des Landes. Dein Schützling wird in 20 Jahren sicher seinen demokratischen Reifeprozess abgeschlossen haben und erwachsener geworden sein.
Und nicht vergessen: 3 Sprachen und ein Land.

http://www.1809-2009.eu/

4

Ciao vecchia volpe
Lorenz,
ho visto da Orfino una bellissima foto dove a sinistra c'e' una Eva Klotz sorridente e a destra un Davide anche lui abbastanza sorridente con un cartello che si legge benissimo. La foto e' gia' bella cosi, due persone di concezioni opposte, ma entrambe sorridenti. Non e' poco, al giorno d'oggi, vero? Poi mi sono fatto raccontare da Davide cosa si sono detti. Era l'inizio di un dialogo fra gente che ha voglia di parlarsi, chissa' da quanto tempo. Spero che tu te lo faccia raccontare da Eva, tanto sono poche battute, ma molto educate reciprocamente.
Siamo proprio sicuri che non possiate organizzare un incontro per scambiarvi le opinioni da distanza piu' ravvicinata e senza un poliziotti che vi interrompa sul piu' bello? Se poi l'incontro fosse anche pubblico, ma ad invito per evitare facili provocazioni, non sarebbe nemmeno male.
Non e' detto che lo status quo attuale da 90 anni rimanga tale per altri 90 o piu', tante cose stanno cambiando in Europa. Ma se non riuscite a trovare soluzioni condivise e soprattutto nuove strade invece delle solite ormai impercorribili al giorno d'oggi, anche fra opinioni opposte, ognuna col suo bel seguito di baionette oppure di begonie, campa cavallo!
Io credo che i due, che si sono visti perlomeno in occasione di quella foto, abbiano molto da dirsi e non si temano a vicenda. Anzi!
Che ne dici, vecchia volpe?