Start / El Movimento Sudtirolexe pa la Libartà – Aleànsa Lìbara pa el Sud Tiròl

El Movimento Sudtirolexe pa la Libartà – Aleànsa Lìbara pa el Sud Tiròl

El Movimento Sudtirolexe pa la Libartà – Aleànsa Lìbara pa el Sud Tiròl „Libartà Sudtirol éxe la xé na aleànsa libaràl – patriòtega ca la dimànda el dirìto l’autodeterminasiòn pal Pòpolo Tiroléxe.

La nòstra Tèra, la xé sòto ocupasiòn dal 1918, ocupà da el stàto taliàn e nàltri a sevitémo conbàtar sta situasiòn d’einjustìsia. Na ròba fa 350 mila tirolìxi de lengoa màre jermànega li vìve in sto teritòrio ocupà da la itàlia e li sèvita lotàr pa mantignìr tradisiòn e costumànse.

Mantignìr coltùra e tradisiòn còntro on stàto stranièro a xé na gràn sfìda. La itàlia la xé deso rente el colàso econòmego e drìo ànca la nòstra tèra, ca la xè rìca, ma ca la sòfre sòto l’incapasità de el stàto taliàn. Segon el nostro sentìr, l’ònega salvèsa la xè la independensa de la nostra tèra da el stàto taliàn.

Inte el 1918, dòpo la 1° goera mondiàl, l’exèrsito taliàn el ga invadesto e ocupà la parte meridionàl de la rejòn Ostrìaca del Tiròl, contro el volèr del presidente Mericàn Woodrow Wilson, ca el gheva dichiarà inte i so coatòrdexe pònti, ca i confìni de la itàlia li gavarìa da èsar sta segnà dài confìni de Pòpoli definìi e ricognosòbili.

Ma el tratà secrèto de Lòndra, co che la itàlia la ga inganà i aleà, el garantìva el „confìne del Brènnero“. Sto confìn el divide ncòra ancò el Tirol. El goerno taliàn fasìsta el ga dòpo fèsto patìr la deportasiòn e l’opresiòn al Pòpolo tirolexe. Hitler el gheva concordà co Musolìni l’exìlio dei Tirolìxi, e pa sta raxòn ògni propaganda in favòr del Pòpolo tirolexe la xèra sta proibìa in Jermània e Ostria. Fasìxmo e Nasionàlsolsialixmo li xè i bechìni de la nostra Nasiòn. A no toleremo pì gnisòn estremìxmo polìtego.

Pa consegoensa, i ga sarà le scòle todesche e i ga proibesto de rivèrxarle. I ga italianixà tùti i nòmi todèschi, fin le prìe dei simitèri, e ancò la toponomastega fasìsta la vien ncòra doparà. Ghe xè fìn ncòra i monumìnti fasìsti, mantignìsti co i nòstri schèi. I polìteghi taliani fa l’ex mininstro dèi èstari Gianfranco Fìni, presidente del partìto nèofasista (deso PDL) li mantièn serimònie soleni a la memòria dei soldà fasìsti sòto el „Monumento alla Vittoria“ de Bolzàn, capitàl del Sud Tirol.

Sta xènte taliàna la festèja la vitòria contro el nòstro Pòpolo, na vitòria ca storegamente no la xé militàr, parchè fìn dela 1° goèra mondiàl gnànca on soldà taliàn el xèra intrà in Sud Tiròl. L’exèrsito taliàn el ga ocupà el nòstro teritòrio traverso la diplomasìa, traverso le buxìe e i tradimìnti e gnànca co na vitòria militàr fa a vorìa fàr crèdar el „Monumento alla Vittoria“.

Ancò, inte el tènpo dei dirìti omàni e de le libartà, el nòstro Pòpolo no el ga gnancòra risevesto el dirìto de autodeterminasiòn. Volemo cusì on referendum a ndo a se dimande al Pòpolo sudtirolexe sa el vol restàr sòto dominasiòn taliàna o tornàr èsar indepandente. El stàto taliàn el ne ga mài parmetesto on refarendum. Libartà pa el Sud Tirol ca no el xé mai stà e mai el sarà itàlia.

Nàltri tolemo exènpio dai prinsìpi dei dirìti omàni. Le nòstre desixiòn le va drìo i prinsìpi del dirìto e de la justìsia.
I nostri obietìvi prìmi a li xé :

1. Autodeterminasiòn
El dirìto l’autodeterminasiòn dei Pòpoli el xè pàrte de l’artìgolo nòmaro on dèi pàti so i dirìti dei omàni e pa sta raxòn espresiòn de libartà ca ògni Pòpolo el pòl rivendegàr. La divixiòn del Tiròl e l’anesiòn del Sud Tirol a el stàto taliàn le xè de le violasiòn dela raxòn e dela legalità, e pi de tùto de la volontà de on Pòpolo. Dal momento de l’invaxiòn taliàna, el Sud Tirol el ga dovesto patìr l’estinsiòn e ancò no el ga gnancòra garansìe pa poder mantignìr la so coltùra e léngoa. El nòstro Pòpolo, el xè na minorànsa inte on stàto forèsto e l’autonomìa da ela sòla no la bàsta mìa pa salvàrlo da l’asimilasiòn e italianixasiòn forsà. Pa sta raxòn, l’ònego metodo ca el podarà risòlvar sta situasiòn, a xé on referendum ca el podarà parmetar de risolvar la chistiòn sudtiroléxe.

2. Nasiòn
Dirìto a la lengoa natìva (màrelengoa). La lengoa natìva el xé l’elemento de identità colturàl nòmaro òn, pa sta raxòn el xè on dirìto fondamentàl. Masa òlte, el stàto taliàn el fà mùro o no vol doparàr la lengoa Tiroléxe, ànca còntro le normatìve del statùto autònomo spesiàl. Pa sta raxòn, se ga da aplegar contròli sevèri so i concòrsi e asegnasiòn de laòri piòveghi e restrisiòn e sansiòn in càxo de violasiòn del dirìto a la màre lengoa. No se tràta de provocasiòn, ma de fàr rispatàr on dirìto. Isteso vàl pa el Pòpolo Ladìno.

3. Na Euròpa pluralistega
Ancò, l’Euròpa la xé ncòra na organixasiòn de stàti e no na comunità de Popoli e de rejòn. L’Europa no la pol restàr na uniòn de stàti fòrti e onifòrmi. La richésa e forsa de l’Europa la xè la pluralità de lengoe e de coltùre. Pòpoli e grùpi etneghi de dimensiòn picenéte li podarà sopravìvar sa a se sarà bòni ricognòsar el valòr de sta richèsa e ca la diversità no la xé na minàsa, ma on valòr.

Kommentar hinzufügen

Diese E-Mail ist schon registriert. Bitte benutzen Sie Das Login-Formular oder geben Sie eine andere ein.

Sie haben nicht das korrekte Login oder Passwort eingegeben

Sie müssen eingeloggt sein, um einen Kommentar schreiben zu können.

22 Kommentar(e)

Neueste zuerst
nach Bewertung Neueste zuerst Älteste zuerst
1

A voi gestori del sito vorrei segnalare che nella regione Veneto si parlano diversi dialetti, ma nessuno parla nel modo in cui è scritto l'articolo di questa pagina.

Si tratta di una lingua quasi del tutto inventata e fuori dalla realtà dialettale del Veneto.

2

Rispondo così all'anonimo del 17.12 perché non compare il bottone per la risposta.

Nel 1200 i veneziani avevano una vera e propria lingua, derivante dalla volgarizzazione del latino così come si era sviluppata a Venezia.

Ai suditirolesi che ci ospitano dico: capisco che avete dei buoni rapporti con il mondo indipendentista veneto, ma questo non vi obbliga a credere a tutto quello che vi dicono!

La lingua veneta non esiste, potete pure toglierla questa sezione del sito.

Cordiali saluti

4

Ho dato un'occhiata al primo testo indicato, secondo l'autore ci sarebbe una lingua veneta che, udite udite, deriverebbe da quella dei veneti antichi.

Tu credi veramente che i veneti antichi parlassero qualcosa di simile al dialetto veneziano, o vicentino, o trevigiano, o dici così per scherzare?

Con l'impero romano la terra dei veneti venne purtroppo colonizzata, e i colonizzatori imposero il latino. Dopo la fine dell'impero anche nella terra veneta, come nelle altre aree che furono dell'impero, si verificò la volgarizzazione del latino, cioè nacquero dialetti diversi a seconda del substrato che esisteva in quel territorio (celtico, retico, greco, veneto...).

5

Che bel magari noaltri

6

Lasciando da parte la questione dei dialetti veneti mi piacerebbe sentire da voi che seguite il movimento della dottoressa Klotz cosa si potrebbe prendere di questa loro esperienza da applicare in Alta Italia.

È stato un bel successo il loro visto che con le elezioni di domenica sono passati dal 4,9% del 2008 al 7,2%.

Considerando poi gli altri partiti indipendentisti presenti sulla scena sudtirolese si arriva al 25% circa.

La prima cosa che mi viene da pensare è che essere indipendentisti è evidentemente più naturale in Sud Tirolo trattandosi di una terra abitata principalmente da persone di etnia tedesca, ingiustamente costretta a far parte di uno stato estraneo.

Ma anche nel resto dello stivale, sebbene si sia tutti italiani, le differenze tra le diverse aree sono ben presenti e si può parlare di etnie diverse che vivono al Nord, al Centro, al Sud e nelle isole.

La creazione dello stato unitario ha avuto tra le sue negative conseguenze quella di portare a una massiccia immigrazione di meridionali in Alta Italia, senza che ci fossero da parte nostra gli strumenti per difenderci.

Se infatti in Sud Tirolo sono riusciti ad avere la proporzionale etnica nella loro pubblica amministrazione noi ci troviamo con il nostro settore pubblico pieno di meridionali portatori di una cultura incompatibile con la nostra.

Quello che c'è a livello di sentire comune è che siamo diversi rispetto alle altre popolazioni dello stivale, ma non c'è mai stato un partito che si proponesse come partito di raccolta degli italiani dell'Alta Italia.

La Lega Nord non ha mai fatto niente di tutto questo, basta vedere le brutte compagnie dei dirigenti di questo partito, o la loro Padania comprendente regioni come Toscana, Marche ed Umbria.

7

andiamo con ordine: lasciamo da parte la questione della lingua veneta, ritenendola risolta visto che è storicamente dimostrato che era una lingua e che ora sopravvive in forma spuria, ma è tutt'ora viva e vegeta.

Sul fatto di essere popolo con propria identità non italiana: le provincie della Venezia, sono state annesse al regno d'Italia non come conquista di guerra vinta dai savoia, ma nella guerra austro prussiana, 1866, con una cessione triangolata nella quale l'Austria avendo perso con la Prussia, alla quale era alleato il regno d'italia, ha ceduto le nostre provincie alla Francia ( quale arbitro) che avrebbe provveduto a consegnarle alla italia " solo a seguito del consenso delle popolazioni debitamente consultate". L'italia come al solito ha tradito questo accordo entrando nelle provincie con i suoi prefetti e carabinieri parecchi giorni prima del referendum, innalzando il tricolore a Venezia una settimana prima, allestendo i seggi con presenza della polizia militare Carabinieri e schedando i votanti che votavano si o no, militari italiani che votavano, in pratica brogliando di brutto. Il risultato bulgaro e ridicolo lo dimostra. Quindi la popolazione veneta è stata trasferita alla amministrazione militare italiana senza un vero consenso popolare. Presa con la forza. Come il Sud Tirolo 52 anni dopo. La etnia veneta nulla aveva a che vedere con quella italiana.

Quello veneto friulano giuliano è un popolo conquistato con la violenza, come lo è quello del Sud Tirolo, è la stessa cosa.

La emigrazione veneta ( milioni di persone) è avvenuta subito dopo l'annessione italiana a causa dello stato di miseria e tassazione indotta dai piemontesi - che dovevano rifarsi delle spese di guerra di conquista - , la pellagra non era mai esistita prima. L'italia ha lavorato di fino per estirpare lo coscienza del popolo veneto, culminando con la grande guerra che ha sterminato la miglior gioventù in una altra guerra di aggressione, e dopo lavorando di intelligence nella scuola e nella pubblica amministrazione: mai esistito un prefetto o questore veneto, tanto per dire.

Lo spostamento di popolazione meridionale verso il nord è avvenuta principalmente nel secondo dopoguerra, con la nascita del boom industriale.

La Lega Nord è andata a Roma ed è diventata romana, è un partito italiano. Ha tradito il proprio statuto. E' il più grande imbroglio e il più pericoloso nemico dei veneti che ancora ci credono. Da quando Rocchetta ha consegnato la Liga Veneta a Bossi, il disastro si è compiuto.

Fortunatamente la voglia di autodeterminarsi come popolo non è morta, anzi è più viva che mai,

VIVA SAN MARCO

8

La storia è quella che hai indicato, ma non puoi dire che esiste un popolo veneto con una sua identità etnica diversa da quella italiana.

Le differenze etniche in Italia sono tra Nord, al di sopra della linea gotica, e Centro-Sud.

Al Nord si parlano dialetti del gruppo romanzo occidentale, al Centro-Sud dialetti del gruppo romanzo orientale.

Voi venetisti avete il prosciutto sugli occhi, per voi ci sarebbero i veneti, con una etnia a sé definita da non si sa che cosa, con gli altri che sarebbero tutti italiani.

9

Hai ragione Riccardo. Volevo dire l'isola di Cipro e Creta (Candia)... Io ho rapporti di amicizia con diversi friulani e non mi risulta che soffrano di complessi d'inferiorità nei miei confronti né dei veneti in generale. Forse sarà stato così al tempo della Serenissima (non sono così vecchio per saperlo) ma ne è passata di acqua sotto i ponti. E credo che se ora il Veneto diventasse uno stato indipendente sarebbero ben contenti di farvi parte. Parlo di stato veneto, non di Serenissima. Quella appartiene al passato, come il Tiziano e Tintoretto, e il Canaletto... e soprattutto la Venezia del Canaletto, con l'acqua liscia come l'olio e i cieli trasparenti. Il passato è passato.

10

Volevo aggiungere, per chi non lo sapesse, che il territorio della Serenessima Repubblica di Venezia non corrispondeva a quello delll'attuale Veneto, ma giungeva a occidente sino a Bergamo, e a oriente comprendeva il Friuli, nonché l'Istria e la Dalmazia, e la costa adriatica da Ravenna a Rimini, poi, al di là dell'Adriatico, il Peloponneso (Morea), l'isola di Cipro (Candia)... Probabilmente per questo motivo Riccardo non nota una differenza tra gli abitanti dell'attuale Veneto e quelli delle regioni limitrofe dell'Alta Italia, come la chiama lui. Erano (e in fondo sono rimasti) tutti veneti.

11

Roberto prova ad andare a dire a un friulano che è veneto e sentirai cosa ti risponde.

Forse soffrono di un complesso di inferiorità per essere stati sottomessi da Venezia nel Quattrocento, fatto sta che odiano i veneti.

Comunque rispetto le tue convinzioni e se ritieni che sia riproponibile al giorno d'oggi la Serenissima fai bene a lottare per questo, anche se secondo me è irrealizzabile essendo invece necessario, per liberarci dello stato italiano, fare fronte comune con tutti gli altri italiani dell'Alta Italia.

Veniva chiamata Candia l'isola di Creta mi pare, non Cipro.

12

Dissertare se il veneto sia lingua o dialetto rischia di diventare un mero esercizio intellettualistico. Per tagliare la testa al toro direi che se lingua è quella ufficialmente adottata da uno stato, il veneto è stato lingua per millecento anni, adottata dalla Serenissima. Se dialetto è l'idioma in uso in un determinato territorio di uno stato, il veneto è diventato dialetto dalla caduta della Serenissima.

Quando il Veneto tornerà ad essere uno stato indipendente, anche il veneto tornerà ad essere lingua. Con l'italiano ha ben poco a che fare, a parte le inevitabili commistioni tra i due idiomi avvenute durante gli anni in cui il Veneto è stato (e continua ad essere) italiano, nonostante in veneto permanga un diffuso bilinguismo (i miei genitori parlavano veneto tra di loro e italiano al lavoro, stessa cosa vale per me e mia moglie. I nostri figli parlavano italiano a scuola, all'università, ora lo parlano al lavoro, e veneto in tutte le altre occasioni. Tra di noi e con gli amici parliamo sempre veneto). Questo fatto del bilinguismo da solo basterebbe a dimostrare che quello veneto è un popolo, e come se lo è!

L'italiano è una bella lingua, ma recente (risale al 1200), nata sostanzialmente per esigenze letterarie, ed è- detto molto semplicisticamente- un connubio tra la sintassi latina e il lessico toscano. Il veneto è ben più antico e la sua origine si perde nella notte dei tempi. Di sicuro non può essere considerato una variante linguistica locale dell'italiano, anzi il veneto stesso ha molte varianti locali.

13

Vorrei chiarire il mio modo di vedere le cose in merito all'esistenza della lingua veneta e del popolo che dovrebbe parlarla.

Non esiste il popolo veneto, in quello che è solamente un ente territoriale dello stato italiano, cioè la regione Veneto, non c'è nessun popolo a sé stante.

Nella regione Veneto vivono italiani dell'Alta Italia.

Alta Italia che ha delle caratteristiche etniche ben precise che la differenziano dal resto dello stivale e che arriva fino alla linea gotica.

Nell'Alta Italia esistono popolazioni che italiane non sono, come i sudtirolesi che ci ospitano in questo momento o gli sloveni del Friuli, che hanno tutto il diritto di scegliere quello che dovrà essere il loro futuro.

Anche gli italiani dell'Alta Italia hanno il diritto di decidere se continuare a far parte di questo stato italiano che è fallimentare, mettendo assieme forzatamente etnie diverse tra loro, o se costruire uno stato nuovo che cerchi di essere più efficiente, più civile, più vicino ai cittadini.

Lo stesso diritto ce l'hanno gli italiani del Centro e del Sud dello stivale.

Lo stato italiano è nato a causa dell'espansionismo dei Savoia, e ha già dimostrato nella sua storia molte volte che sarebbe stato meglio se non fosse mai nato.

Gli italiani hanno infatti dato il meglio di sé quando erano divisi in tanti stati diversi.

14

Ti ga presente che ghe xe stà 'na nassion che se ciamava "Serenissima" che xe vissua par 1100 ani?

Eco, desso xe sconta, fagocitada dai 'taliani 150 ani fa. 150 xe poco pì de un decimo de 1100, on sofio maleodorante nel profumo de 'na storia gloriosa. Parfin i capitani dea marina austriaca i se imparava el venessian par parlar coi marinai.

Libari gerimo, libari tornaremo, anca se secondo ti no existemo.

15

Per 1100 anni è vissuta la Repubblica di Venezia, le popolazioni sottomesse della terraferma ne hanno fatto parte invece per circa quattro secoli.

Rispetto per Venezia bella città dell'Alta Italia ma il suo tempo è passato e il suo gonfalone non rappresenta che i veneziani.

16

Cari sudtirolesi non fatevi prendere in giro da quelli che vi dicono che esiste la lingua veneta e vi propongono queste traduzioni dei vostri obiettivi.

So che il vostro movimento ha dei rapporti proficui con movimenti indipendentisti veneti e questo mi fa piacere, ma non dovete per forza conseguentemente dare spazio a realtà inventate.

Purtroppo la lingua veneta non esiste, esistono solamente dei dialetti veneti pesantemente italianizzati.

L'occasione perché nella terra veneta si formasse una lingua veneta è stata persa ai tempi della Serenissima.

Auguri per il vostro referendum in partenza lunedì prossimo!

17

Ricardo purtroppo il Veneto è stato italianizzato, direi che è il caso di ripulirlo anche dalle commistioni con la lingua italica.

Il Veneto è una lingua, un popolo e una nazione.

Credo che tu non sei un Veneto, e se lo sei , sei un traditore.

18

Sì hai ragione, siccome la penso diversamente da te e da tutti quelli che dicono che esisterebbe questo fantomatico popolo veneto sono un traditore, è così che si fa in questi casi no?

19

Rispondo qui, perchè al di la delle posizioni politiche altrui che cerco sempre di rispettare, bisogna porre alcuni punti fermi per quanto riguarda il tema lingua - dialetto.

Per quanto riguarda la distinzione tra questi due termini vi è stato dibattito tra i linguisti di ogni nazione per tutta la storia della disciplina, giungendo a comprendere come, in fin dei conti, l'unica cosa che fa la differenza tra l'una e l'altra è solo ed esclusivamente avere alle proprie spalle una nazione e un esercito (anche estera.). Nonostante ciò, da studente, tra le altre cose, di linguistica, mi sento di proporre alcuni elementi che mi motivano a riferirmi al veneto e alla gran parte degli altri cosiddetti dialetti con la dicitura "lingua locale".

- Il primo richiede una visura della mappa delle lingue romanze. Cosa molto nota, a livello culturale oltre che linguistico, è la divisione che viene fatta all'interno della penisola italiana tra le tradizioni linguistiche dell'area settentrionale e quelle dell'area meridionale (distinte dalla cosiddetta "linea massa - senigallia"), la prima appartenente al contesto europeo e con processi linguistici piuttosto trasformativi, assimilabili al francese, la seconda con processi linguistici più conservativi, più vicina al latino (la cosiddetta romània orientale).

- La seconda è quella legata al possesso di una letteratura, a lungo considerata una delle caratteristiche principali delle lingue rispetto ai dialetti, è una caratteristica che può essere vantata dall'idioma veneto, vista la vastezza di opere originali e traduzioni (di epoca storica) in lingua.

- La terza riguarda il possesso di una grafia peculiare ben distinta dall'italiano e che unifica a se quasi tutte le aree del Veneto (quella che prevede tra le altre cose la lettera x per s sonora -fricativa alveolare sonora- che appare nella grafia latina del volgare veneto attorno al duecento)

- La quarta riguarda il riconoscimento internazionale della lingua. Essa è infatti riconosciuta come tale da varie istituzioni non politiche quali l'unesco, ethnologue, e inoltre è studiata e riconosciuta da un grandissimo gruppo di atenei americani (e tra gli altri dal celebre linguista noam chomsky)

- La quinta parte da una presa di coscienza della situazione europea. Se infatti studiamo la situazione catalano-spagnola ci rendiamo conto di come la distanza linguistica tra i due idiomi è equivalente a quella che possiamo riconoscere tra italiano e veneto, e non diversa è la distinzione tra sloveno e serbo/croato (due lingue che peraltro vengono considerate dai parlanti distinte nonostante siano pressochè identiche)

- La sesta ha a che fare con la mutua comprensibilità, un altro elemento che viene preso in considerazione nel processo di definizione, se infatti il veneto scritto è probabilmente comprensibile a un lettore italiano (ma lo è in egual misura per un lettore di quasi qualsiasi lingua romanza, secondo lo stesso principio per cui siamo solitamente in grado di leggere un giornale spagnolo comprendendo la gran parte del testo) diventa totalmente ampiamente incomprensibile nel caso in cui ci si trovi di fronte alla lingua orale, anche per abitanti di aree molto vicine al veneto (come i mantovani e i friulani per esempio).

Se poi, lette queste argomentazioni, si sostiene di non negare la differenza dei dialetti veneti dall'italiano ma si sostiene che questi non godono affatto di unità, vorrei far presente che basta dare un occhiata ai vari dialetti per imbattersi in una grammatica che varia molto poco spostandosi nel territorio (ma che cambia significativamente spostandosi al di fuori dei confini), e un lessico, che pur subendo variazioni fonetiche piuttosto importanti nelle varie aree (peraltro non uniformi, per cui alcune parole si sentono pronunciate in valpolicella -vicino a Verona- come a Venezia piuttosto che come nella vicina città), gode nella trascrizione scritta di un unità piuttosto stupefacente.

20

Riccardo, nel 1200 dove ndavei a tore e paroe i venesiani?

Ciao

21

Come si dice anodino in lingua veneta, come la chiami tu?

E lodevole, o estemporaneo?

Io non mi occupo di linguistica ma il buon senso mi dice che quando un linguaggio, come il dialetto di area veneta, per poter affrontare qualsiasi argomento deve andare sistematicamente a prendere parole di un altro linguaggio, in questo caso l'italiano, non siamo in presenza di una lingua.

E questo ripeto succede continuamente, perché per parlare di tutto siamo costretti a utilizzare parole italiane venetizzandole.

22

Beati voialtri, speremo che rive in pressa sto momento anca in Veneto qua da noaltri